A Port Askaig nell’isola di Islay una delle parole d’ordine e’ sicuramente Whisky….

caol ila 1

E’ sull’isola di Islay che ha sede la Caol Ila, vicino a Port Askaig nell’angolo nord-est dell’Isola; il suo nome in gaelico significa “Sound of Islay”. Il suono di Islay è anche il nome dello stretto tratto di mare, dove si affaccia la distilleria, che separa Islay dall’ isola di Jura.        La Caol Ila fu fondata nel 1846 da Hector Henderson. Henderson valutò che gli ingredienti naturali presenti in quella zona avrebbero consentito di creare un single malt di altissima qualità, purtroppo però la sua avventura alla Caol Ila non durò molto cosi come per i suoi successori, la distilleria infatti passò nelle mani di Norman Buchanan e pochi anni dopo alla Bulloch Lade & Co. società di blended con sede a Glasgow. Nel 1880 la Caol Ila produceva ogni anno più di 600.000 litri di whisky, produzione che veniva interamente inviata a Glasgow alla sede principale della Bulloch Lade & Co. per produrre i propri blended. Nel 1920 la distilleria fu acquistata dalla JP O’Brien ltd, che la rivendette nello stesso anno alla Caol Ila Distillery & Co. e infine nel 1927 la Distillers Company (oggi Diageo) inizia l’acquisizione della distilleria diventandone tre anni più tardi proprietaria di tutte le azioni.            Dobbiamo dire che la Caol Ila nonostante i molti cambi di proprietà non ha mai smesso di produrre whisky. Gli unici periodi di chiusura furono dal 1930 al 1937 (a causa del proibizionismo negli Stati Uniti e della conseguente crisi mondiale)  e per buona parte della Seconda Guerra Mondiale (come per la stragrande maggioranza delle distillerie). Per soddisfare l’aumento della domanda, nel 1972 la distilleria fu completamente demolita e ricostruita (i lavori durarono circa due anni), gli alambicchi passarono da 2 a 6 e solo i 3 vecchi magazzini rimasero in piedi. Anche se nuovi, gli alambicchi furono costruiti dagli artigiani riproducendo fedelmente la loro forma originale per garantire intatto il sapore e la qualità distintiva del Caol Ila.                            Tuttavia, ci sono molte cose che non sono cambiate. Caol Ila è l’unica distilleria con esposizione a est, e ogni mattina i sei alambicchi sono i primi dell’isola a sentire la luce dell’alba sulle loro facce di rame. L’orzo utilizzato qui viene ancora maltato localmente a Port Ellen, e acqua pura di sorgente continua a sgorgare dal calcare nella vicina Loch nam Ban prima di scendere in un ruscello cristallino verso il mare a Caol Ila, così come ha sempre fatto.                                                           Oggi la distilleria ha una capacità di produzione annua di 3.500.000 litri ed è la più grande distilleria di Islay (circa un quarto di tutto il whisky di malto che viene distillato sull’isola è prodotto dalla Caol Ila) ma di tutta la sua produzione solo il 5% viene portato a maturazione come single malt, la maggior parte è utilizzata come componente nei blended come Bell, White Horse, Johnnie Walker e Black Bottle.                          Per oltre 100 anni, piccoli “puffer” a carbone (navi da trasporto merci), come l’SS Pibroch, consegnavano alla distilleria orzo, carbone e botti vuote, prima di portare il whisky sulla terraferma attraverso lo stretto che separa Islay da Jura.           Oggi i discendenti delle generazioni passate che tengono in vita le tradizioni del luogo. Billy Stitchell è il direttore della distilleria e ci lavora da anni, così come suo padre, entrambi i suoi nonni e suo bisnonno. Questa linea ininterrotta è la prova che la tradizione e la competenza sono fondamentali da queste parti.                                             Il frutto della loro fatica e abilità è un single malt tranquillo di aromi secchi e marini con gradevoli e armoniose note di fumo. Chiunque si reca in questa magica isola ben presto scopre che Islay è la patria di alcuni dei più grandi single malts. Caol Ila™ è senz’altro uno di loro, la cui scoperta si rivela uno dei grandi piaceri della vita.                                    Oggi Caol Ila con la sua vasta gamma di single malt ci da’ la possibilita’ di scegliere tra prodotti di alta qualita’ diversi tra loro unite da un solo filo quello di una qualita’ ecelsa, come la linea dei “Unpeated Style” e dei Natural Cask Strength.

Categories: RecensioniWhisky

Giuseppe Is Panico

Giuseppe, titolare de Il Caffè Italiano Ginosa. Appassionato di vini e Sommelier. Intenditore di distillati di qualità.

0 thoughts on “Caol ila “Sound of Islay””

Rispondi

Related Posts

Recensioni

Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti

La nostra attenzione e la nostra continua ricerca di prodotti artigianali, ci ha condotto nel campo della  vitivinicoltura alla scoperta della FIVI ossia Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, i piu’ si chiederanno di cosa si tratta?? Il Read more...

Recensioni

Ardbeg…piccola frontiera

Ardbeg Distillery dal Gaelico Scozzese: Taigh-stail Àirde Beaga che significa piu’ o meno “piccola casa ad alta resistenza”… Sulla costa meridionale dell’isola di Islay e’ posta la distillleria di Ardbeg, che produce whisky dal 1798 Read more...

Gin

Gin, da medicinale a distillato di tendenza…..

Francisco Della Boe meglio noto come Franciscus Sylvius, nel tentativo di trovare un rimedio alla malaria che colpiva  l’esercito olandese  scopre la “Jenever”, da cui poi nascera’ il Gin. Il Gin è un distillato forte tipicamente incolore, prodotto Read more...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: